L'Armata Rossa

Dettagli
Categoria: Storia e militaria
Pubblicato Martedì, 15 Aprile 2014 14:17
Scritto da Super User
Visite: 1441

 

armata rossaL’ARMATA ROSSA
Storia – Battaglie – Strategie


Autore: Enrico Bartok
Collana: Frontiere
Formato: libro cartaceo illustrato

Prezzo: Euro 19
ISBN 978-88-86464-48-2

Dalla Rivoluzione d'Ottobre, nel 1917, sino al 1991, anno del suo scioglimento e della sua trasformazione in Esercito Russo, l'Armata Rossa dell'Unione Sovietica è stata la "spada" del regime comunista. Un regime che, attraverso lo strumento militare, aveva esteso la sua area d'influenza sino a creare quello che molti storici hanno chiamato "l'impero sovietico". In questo saggio, il primo sull’argomento che escesul mercato italiano, si ripercorrono la storia, le battaglie e le strategie di quello che fu, per decenni, il più potente esercito del mondo. Nata come “armata rivoluzionaria”, costituita da pochi reparti di operai e soldati di fede bolscevica dovette trasformarsi in pochi anni in un esercito poderoso per difendere il nuovo regime sovietico dagli attacchi sia interni che esterni. Abbandonate le velleità rivoluzionarie in pochi anni e in condizioni drammatiche l’Armata Rossa divenne, sotto la guida ferrea di Lev Trotzky, un esercito efficiente e fortemente ideologizzato. Un esercito che dovette affrontare prove durissime: la guerra civile, le “purghe” staliniane, la Seconda guerra mondiale contro il nazismo. Nel dopoguerra il ruolo di primo piano conquistato dalle forze armate si riverberò anche negli equilibri politici del regime. La corsa agli armamenti e il confronto politico-militare con l’Occidente e gli Stati Uniti fecero crescere l’importanza e il peso del cosiddetto apparato militar-industriale e l’influenza dei vertici militari sulla dirigenza politica. L’Unione Sovietica era ormai diventata una superpotenza e l’Esercito Sovietico fu impegnato in diverse occasioni per sostenere regimi comunisti nella propria sfera d’influenza dall’Ungheria nel 1956 alla Cecoslovacchia nel 1968, agli interventi, limitati ma importanti in alcuni paesi africani (Etiopia, Angola, Mozambico) fino all’invasione dell’Afghanistan. Il volume, scritto con uno stile brillante e divulgativo, che nulla toglie alla precisione storica, è arricchito da molte immagini, alcune inedite, provenienti dagli archivi ex sovietici.